Non è oro tutto quello che luccica!

Nelle settimane scorse il Presidente della Giunta Regionale, Gen. Bardi, e  alcuni membri della Giunta pubblicizzarono il fatto che i cittadini di Basilicata per diversi anni non avrebbero pagato il gas per l'immobile nel quale risiedono e per il quale sono intestatari di un contratto di fornitura grazie alla L.R. n. 23 agosto 2022, n.28.

Tutto questo, spessissimo, non risponde al vero.

Tanti cittadini si rivolgono ai nostri sportelli perché non riescono ad avere risposte alle loro domande ne da API-Bas ne dagli uffici regionali.

Inoltre molti utenti stanno ricevendo fatture nelle quali dello sbandierato bonus non c’ è traccia.

Per questi casi l’Adoc di Basilicata, per gli iscritti alla stessa, sta avviando le procedure previste per le  Risoluzione Alternativa delle Controversie con i vari venditori di gas presenti sul territorio.

Cos’è la Risoluzione Alternativa delle Controversie? Sono procedure che si attivano per risolvere le controversie tra consumatori e imprese su contratti di vendita di beni e servizi.

Infatti l’Associazione sta inviando reclami alle varie compagnie perché si faccia chiarezza, vista l’assenza sin qui registrata degli uffici della Regione, sui dubbi sollevati dagli utenti di Basilicata.

Infatti a molti di questi o il bonus non viene riconosciuto o viene riconosciuto in misura molto risicata.

Siamo in attesa di ricevere le dovute risposte dai venditori.                            

I consumatori di Basilicata saranno tenuti informati sugli sviluppi della questione.


Share